Segnalazioni e reclami

La Commissione Paritetica Docenti Studenti, per favorire la risoluzione delle criticità ed un proficuo dialogo tra l’amministrazione e gli studenti, ha predisposto questa pagina di comunicazione.

Ogni studente può inviare una segnalazione o un reclamo, ricordando che possono essere inoltrati anche ai propri rappresentanti. Non vengono accettate comunicazioni anonime o segnalate da indirizzi mail non istituzionali; tuttavia la CPDS, nel rispetto delle leggi vigenti, garantisce la riservatezza dei dati personali e l’anonimato degli studenti in sede di discussione delle comunicazioni.

Procedura:
  • invio della comunicazione 
  • ricezione della comunicazione e valutazione del contenuto
  • valutazione della fondatezza della comunicazione e inoltro della comunicazione ai soggetti e/o agli organi competenti 
  • risposta allo studente – il prima possibile
  • gestione della pratica (adozione di specifiche azioni di miglioramento)
note alla procedura:
  • i tempi di gestione della pratica, compatibilmente con le risorse di personale e altri vincoli organizzativi, saranno in relazione alle caratteristiche di urgenza della comunicazione ed ai soggetti competenti
  • le risposte verranno inviate per posta elettronica agli indirizzi istituzionali degli studenti (nome.cognome@student.unisi.it)
  • tutte le pratiche saranno periodicamente poste all’odg delle riunioni della CPDS

 

► Per soggetti e/o organi competenti si intendono principalmente:

  • presidente del Corso di Studio
  • responsabile Assicurazione della Qualità del Corso di Studio e del Dipartimento
  • rappresentanti degli studenti del Corso di Studio
  • segreteria didattica o amministrativa del Dipartimento
  • direttore del Dipartimento

 

► Per valutazione della comunicazione si intende una preliminare valutazione della fondatezza e rilevanza delle segnalazioni. Non viene effettuata una valutazione nel dettaglio, ma vengono escluse comunicazioni del tutto prive di riscontri che contengono fatti generici, confusi e/o palesemente diffamatori.